Terapia familiare

Terapia familiare

La terapia familiare è un modello di intervento che coinvolge tutti i membri della famiglia nella definizione e risoluzione del problema ovvero nell’attivazione del cambiamento.

Quanto più abbiamo il coraggio di appartenere, tanto maggiore sarà la nostra libertà di essere indipendenti. Più grande è la nostra capacità di differenziarci, più saremo
liberi di appartenere

CARL WHITAKER

La famiglia è il contesto in cui i singoli possono sperimentare l’appartenenza necessaria a maturare la propria autonomia. Per realizzare questo complesso e apparentemente paradossale fine, la famiglia affronta varie fasi di vita contraddistinte da differenti compiti di sviluppo, sia per i genitori che per i figli. Pertanto per crescere insieme è necessario un costante riadattamento delle regole che qualificano le relazioni tra i membri.

Secondo l’approccio familiare più diffuso, ovvero quello sistemico relazionale, è importante quindi leggere il sintomo di malessere di uno dei membri della famiglia come un segnale della difficoltà della famiglia di riadattarsi alle richieste esterne o interne che una nuova fase di sviluppo richiede. Tali difficoltà possono essere anche prodotte da improvvisi cambiamenti come lutti, separazioni, perdita di lavoro, nascite, problematiche scolastiche dei figli e molto altro.

In ognuno di questi casi, che sono solo esemplificativi, la terapia familiare interviene per riattivare le risorse del sistema, offrendo nuove chiavi di lettura alle dinamiche relazionali disfunzionali, promuovendo in tal modo un’interazione differente tra i membri del sistema.

In altre parole la terapia si pone come obiettivo la riattivazione della crescita di ognuno dei membri attraverso la rinegozioazione delle regole in famiglia e la promozione di una comunicazione più efficace ed emotivamente autentica.